Home » Marina Ovsyannikova, la giornalista russa latitante ricompare in un video

Marina Ovsyannikova, la giornalista russa latitante ricompare in un video

Marina Ovsyannikova, la giornalista russa latitante ricompare in un video in cui spiega le ragioni della sua fuga

Marina Ovsyannikova dopo essere scappata con la figlia dagli arresti domiciliari e, quindi, considerata una fuggiasca e latitante, aveva fatto perdere le sue tracce, ma nel pomeriggio di ieri è ricomparsa in un video, in cui spiega le ragioni della sua fuga.

Dice la giornalista: “Mi considero completamente innocente e poiché il nostro Stato rifiuta di rispettare le sue stesse leggi, a partire dal 30 settembre rifiuto di osservare la misura preventiva sotto forma di arresti domiciliari e di rilasciare me stessa”.

Poi aggiunge, mostrando il braccialetto elettronico, su Putin: “È lui, non io, che dovrebbe essere tenuto lontano dalla società e processato per il genocidio del popolo ucraino e l’uccisione di massa di uomini russi.

Leggi anche: MARIA OVISANNIKOVA, LA GIORNALISTA RUSSA “NO WAR” È IN FUGA E RICERCATA

La giornalista non ha reso nota la località in cui si è rifugiata e se c’è qualcuno che la sta aiutando. A dare la notizia della fuga era stato il marito. La giornalista doveva rimanere ai domiciliari fino al 9 ottobre, per poi scontare la condannata detentiva a 10 anni perché ritenuta colpevole dell’accusa di aver diffuso notizie false sulle forze armate russe. 

Fonte immagine: https://twitter.com/newslady19/status/1533742490771136514/photo/1

Amalia Vingione

Amalia Vingione è laureata in Lettere Moderne presso l’Università Federico II di Napoli e presso lo stesso Ateneo consegue la laurea specialistica in Filologia Moderna con indirizzo in Italianistica. Consegue un Master in Editoria e Comunicazione presso il Centro di Formazione Comunika di Roma. Attualmente lavora come Editor, Copywriter per diverse Case editrici e Giornali e si occupa di Comunicazione per enti e associazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto