Home » Scampia, madre e figlio costretti da un clan a lasciare la propria casa

Scampia, madre e figlio costretti da un clan a lasciare la propria casa

Scampia, madre e figlio costretti da un clan a lasciare la propria casa per poi destinarla ad un’altra famiglia

Due uomini, di 39 e 25 anni, sono stati arrestati a Scampia con l’accusa di estorsione e lesioni aggravate dal metodo camorristico. Secondo quanto emerso dalle indagini, i due uomini erano degli emissari di un clan locale, inviati per costringere un 27enne e la madre anziana a lasciare l’appartamento in cui vivevano e che gli era stato legalmente assegnato.

Con la promessa della cancellazione di un debito, al 27enne – che all’epoca dei fatti era agli arresti domiciliari – era stato più volte intimato di lasciare la casa, che successivamente sarebbe stata assegnata ad un’altra famiglia indicata dal clan.

Leggi anche: ZELENSKY PONE LE CONDIZIONI PER LA PACE, MENTRE IN RUSSIA SCOPPIANO LE PROTESTE

In una occasione, il 27enne è stato anche costretto a consegnare le chiavi e a sgomberare l’abitazione. Le indagini, condotte dai militari dell’Arma e coordinate dalla Dda di Napoli, hanno portato all’arresto dei due uomini. Il 39enne è detenuto presso la casa circondariale di Poggioreale, mentre il 25enne è stato portato in carcere a Secondigliano.

Fonte immagine: https://twitter.com/Carabinieri/status/1572835587073228801/photo/1

Amalia Vingione

Amalia Vingione è laureata in Lettere Moderne presso l’Università Federico II di Napoli e presso lo stesso Ateneo consegue la laurea specialistica in Filologia Moderna con indirizzo in Italianistica. Consegue un Master in Editoria e Comunicazione presso il Centro di Formazione Comunika di Roma. Attualmente lavora come Editor, Copywriter per diverse Case editrici e Giornali e si occupa di Comunicazione per enti e associazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto