Home » Chiara Ferragni Brand: arriva la condanna per plagio

Chiara Ferragni Brand: arriva la condanna per plagio

Brutte notizie per Chiara Ferragni Brand: il Tribunale di Milano ha sancito il plagio per i famosi Moon Boot

È arrivata per Chiara Ferragni Brand la condanna per plagio. A stabilire il reato è stato il Tribunale di Milano, intervenuto sulla questione relativa ai Snow Boots, i famosi doposci venduti dal brand della Ferragni.

I doposci sono ispirati alle calzature indossate dagli astronauti e in particolare a quelle indossate da Neil Armstrong quando mosse i primi passi sulla Luna. Il disegno e la produzione di questi doposci sarebbero, dunque, stati fatti per la prima volta 52 anni fa dall’azienda Tecnica di Giavera del Mondello.

A tal proposito, come si legge su Il Fatto Quotidiano, Alberto Zanatta, presidente di Tecnica Group, ha dichiarato: “Ora abbiamo un’arma forte per difenderci contro i tanti falsi in circolazione. La prima sentenza era del 2016, ma questo passo è importante perché dopo due sentenze è improbabile che qualche giudice decida diversamente. E noi certo non intendiamo smettere di perseguire i concorrenti sleali. Forti della posizione acquisita in Italia, stiamo lavorando per controbattere i falsi venduti anche in altri Paesi, a cominciare da Francia e Germania”.

Il Tribunale di Milano ha stabilito, dunque, che dovrà esserci un risarcimento, ma ancora non si conosce la somma, da parte del brand della Ferragni in favore dell’azienda Tecnica e che i doposci prodotti vengano ritirati dal mercato.

Leggi anche: Chiara Ferragni, la bimba nascerà a febbraio: svela la novità sul nome

Facendo una rapida ricerca sul sito del brand Ferragni già risultano irreperibili. Questi particolari doposci erano prodotti per le collezioni di Chiara Ferragni da tre aziende specializzate: Mofra Shoes di Barletta, la Diana Srl e la Serendipity Srl. A quanto si apprende, le società che producono i pezzi della collezione Ferragni, in passato, si erano impegnate a non copiare i modelli, ma questo, a quanto pare, è successo nuovamente.

Serendipity e le altre aziende non sono riuscite a dimostrare, dunque, l’originalità delle proprie creazioni, tant’è che il Tribunale ha chiarito che non basta aggiungere un logo e dei glitter per rendere un capo unico e originale.

admindaily

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto