Home » Pietro Genovese arrestato. La mamma di Gaia: “Solo i domiciliari?”

Pietro Genovese arrestato. La mamma di Gaia: “Solo i domiciliari?”

Il gip ha disposto l’arresto per Pietro Genovese, alla guida del suv che ha investito le due ragazze

Secondo il gip quell’incidente era evitabile. Sabato scorso, 21 dicembre, Gaia e Camilla sono uscite come un sabato sera qualunque, ma era il giorno che dava inizio alle vacanze natalizie. Sono state investite in pieno dal suv su Corso Francia guidato da Pietro Genovese, mentre attraversavano con il rosso.

Il figlio del regista Paolo Genovese è risultato positivo al test alcolemico. Correva, guidava in stato di ebbrezza, e ancora non si sa se sotto uso di stupefacenti.

La pena massima per omicidio stradale potrebbe essere di 18 anni.

Leggi anche: Briga si unisce al dolore per Gaia e Camilla. Emma Genovese difende il fratello

L’illuminazione stradale in quel punto non era nitida, pioveva e la visibilità scarsa, unita alla velocità è stata fatale. La droga in circolo nel sangue poteva essere stata assunta fino a sei giorni prima.

«Condotta incautamente spericolata». Così il giudice definisce il comportamento delle due ragazze. Ma questo non attenua la responsabilità di Genovesi che «percorreva una strada all’interno di un agglomerato urbano in un punto caratterizzato dalla presenza di case e locali notturni a velocità elevata e con un tasso di alcol nel sangue superiore al limite consentito» e dunque «pur non avendo voluto cagionare l’incidente» ha violato le regole «di diligenza e prudenza che si richiede a ogni automobilista al fine di scongiurare situazioni di pericolo proprio e altrui».

Sono quattro i testimoni dell’accusa.

Sono quattro gli automobilisti che in quella sera hanno assistito allo schianto mortale. Hanno visto la tragica sequenza dell’incidente avvenuto poco dopo mezzanotte nel quale hanno perso la vita le due amiche sedicenni che mentre si tenevano per mano sono andate incontro alla morte.

Le motivazioni dell’arresto: «Ha ignorato i rischi». Ma il magistrato esclude l’aggravante dell’assunzione di stupefacenti perché «Non è provato lo stato di alterazione».

La mamma di Gaia: “Solo docimiciliari? Meritava di peggio“. E intanto oggi, 27 dicembre, ci saranno i funerali delle due ragazze.

admindaily

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto