Home » Poliziotta aiuta una donna vittima di violenze a denunciare: sarà la testimone di nozze

Poliziotta aiuta una donna vittima di violenze a denunciare: sarà la testimone di nozze

Dopo aver subito 15 anni di violenze fisiche, verbali e psicologiche grazie all’aiuto di una poliziotta ha denunciato l’ex. Per lei adesso la rinascita

Una storia a lieto fine quella raccontata dal questore di Genova Vincenzo Ciarambino: una poliziotta, Simona Pappalardo, ha aiutato una donna vittima di violenza per 15 anni a denunciare. La donna era stata per anni umiliata, maltrattata e anche minacciata di morte dall’ex marito. Poi ha incontrato la poliziotta ed è riuscita ad uscire da questo incubo e a rifarsi una vita. Adesso a Simona Pappalardo è arrivata anche una richiesta: “Mi sposo, vuoi farmi da testimone?”, è il messaggio arrivato alla poliziotta da parte della donna.

Simona Pappalardo non solo ha aiutato la donna ma anche l’ex marito facendolo entrare in un percorso di riabilitazione. Quindi l’uomo grazie a questo percorso e all’aiuto ricevuto ha accettato la separazione dell’ex compagna.

Leggi anche–> 8 marzo, violenza, meno lavoro: le donne pagano il prezzo della pandemia 

Le violenze erano iniziate subito dopo il matrimonio. Con l’uomo che aveva iniziato a manifestare una gelosia morbosa con aggressioni non solo fisiche, ma anche verbali e psicologiche. E dopo un’ennesima lite aveva detto alla donna di denunciarlo così lo avrebbe salvato. Poi tre anni fa finita la relazione le aveva mandato una foto di una pistola con un proiettile e una donna in ospedale intubata, costringendo la sua ex a lasciare Genova, ma poi anche l’ennesimo tentativo della donna di scappare era risultato vano: lui era riuscito a trovarla. La donna ha quind deciso di denunciare incontrando la poliziotta, che è cintura nera quarto dan di Taekwondo e prima donna a Genova a usare il taser. Da quel momento è iniziato il percorso di riabilitazione per l’ex marito e la nuova vita per lei, una rinascita per la donna che adesso potrà sposarsi.

 

 

admindaily

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto