Home » Da domenica 17 gennaio si cambia: tre regioni in zona rossa

Da domenica 17 gennaio si cambia: tre regioni in zona rossa

Tre regioni passano all’area rossa e 9 in arancione. Si attende nelle prossime ore la firma dell’ordinanza di Roberto Speranza

Tre regioni passeranno in area rossa e nove in arancione a partire da domenica 17 gennaio. Come riferisce il Corriere della Sera, il Ministro della Salute, Roberto Speranza, “sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, firmerà nelle prossime ore una nuova ordinanza”.

Ordinanza che appunto entrerà in vigore domenica 17 gennaio.

La zona rossa riguarderà la provincia autonoma di Bolzano e le Regioni Lombardia e Sicilia.

In area arancione, invece, ci sono: le Regioni Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria e Valle D’Aosta. Restano in area arancione Calabria, Emilia-Romagna e Veneto.

Mentre rimarranno gialle Basilicata, Campania, Molise, provincia di Trento, Sardegna e Toscana.

Cosa si può e cosa non si può fare

  • in area rossa: non si può uscire di casa ad eccezione di motivi di lavoro, salute o necessità. I negozi saranno chiusi. Bar e ristoranti aperti sino alle 18, ma solo per asporto. Le palestre e le piscine saranno chiuse.
  • in area arancione: sono permessi gli spostamenti – senza autocertificazione – nel proprio comune. Non ci si può spostare negli altri comuni, salvo per motivi consentiti. Bar e ristoranti aperti solo per l’asporto e sino alle 18. Negozi al dettaglio aperti, mentre i centri commerciali saranno chiusi nei giorni festivi e prefestivi. Le palestre e le piscine saranno chiuse.
  • in area gialla: saranno consentiti gli spostamenti dalle 5 alle 2 nella stessa regione. Bar e ristoranti saranno aperti e si potrà consumare all’interno sino alle 18, poi aperti solo per l’asporto o consegna a domicilio. I centri commerciali saranno aperti nei giorni feriali e resteranno chiusi il sabato, la domenica e i festivi. Le palestre e le piscine resteranno chiuse.

 

 

admindaily

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto