Home » Patti Smith: la regina della parola nel nuovo libro di Patrizia De Rossi

Patti Smith: la regina della parola nel nuovo libro di Patrizia De Rossi

Patti Smith nel nuovo libro di Patrizia De Rossi. Al centro il ruolo della parola nella produzione artistica della cantautrice statunitense

Patti Smith è probabilmente tra le artiste più importati del panorama musicale mondiale. La sua è stata ed è una vita poliedrica, costellata di avvenimenti che l’hanno segnata indelebilmente. Lutti e gravi perdite hanno scandito la sua vita, ma da ogni avvenimento lei ha trovato nuovi stimoli. Non si è mai risparmiata e ha contribuito a cambiare il potere della parola declinandola in musica e poesia, grido e contestazione.

Oggi, la figura di Patti Smith è analizzata e celebrata in un libro in uscita domani, 2 febbraio 2021, per la casa editrice Diarkos. Il libro, intitolato Patti Smith. La forza della parola, è stato scritto da Patrizia De Rossi con la prefazione di Massimo Cotto.

Proprio nella prefazione leggiamo la chiave di lettura attraverso la quale l’autrice ci parla di Patti Smith. A tal proposito scrive Massimo Cotto: “Il comune denominatore di tutto questo, il nucleo attorno al quale tutto ruota e gravita, è la parola. Analizzata, studiata, riprodotta, recitata, scritta, la parola è il motore che muove tutta l’attività di Patti Smith. Non soltanto quella artistica, ma anche quella privata. Che sia una poesia, una canzone, un grido di protesta, la parola e la sua vera forza. Il libro dunque analizza tutti gli aspetti artistici di Patti Smith partendo proprio da questo centro propulsore che ha dato vita a tutta la sua produzione”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Patti Smith Society (@pattismithsociety)

La parola, dunque, è il cuore di tutta la produzione di Patti Smith, che si configura come artista a tuttotondo: “Se c’è un artista – scrive ancora Cotto – che ha messo al centro di tutta la sua produzione – sia essa musicale, letteraria, poetica, pittorica, figurativa – la parola, quella è senza dubbio Patti Smith”.

Non solo la parola, ma al centro dell’analisi di Patrizia De Rossi anche i poeti maledetti e i versi di Rimbaud, il particolare rapporto della cantante con Dio e poi i luoghi, come Parigi e New York, che l’hanno accolta e accudita: “Sullo sfondo la città di New York che si trasforma e si evolve a sua volta. Dagli anni Settanta a oggi, l’arte di Patti Smith ha percorso le stesse strade dando vita a una forma artistica contemporanea che include e non esclude, che convoglia al suo interno le varie sfaccettature dell’arte stessa 360 gradi. Che sia poesia, pittura, musica, canzone, cinema, politica, la parola di Patti Smith è comunicazione arte allo stesso tempo”.

Patrizia de Rossi, giornalista e conduttrice radiofonica, è autrice di numerosi libri dedicati a numerosi artisti, tra cui Ligabue, Gianna Nannini e Bruce Springsteen.

admindaily

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto