Home » Antonella Ferrari porta all’Ariston “Più forte del destino”

Antonella Ferrari porta all’Ariston “Più forte del destino”

Un assaggio di ‘Più forte del destino’ è quello presentato ai telespettatori di Sanremo da Antonella Ferrari

Sul palco dell’Ariston l’attrice Antonella Ferrari ospite nel corso della terza puntata del Festival di Sanremo 2021 porta in scena un pezzo di spettacolo teatrale tratto da “Più forte del destino“, suo libro autobiografico, dove racconta del rapporto con la sua malattia, la sclerosi multipla.

«Sognavo sin da bambina di salire sul palco dell’Ariston e per un’attrice come me, che è ferma da un anno e che festeggia quest’anno 20 anni di carriera, non poteva esserci festa più bella». «Il mio spettacolo è autobiografico e voi avete ascoltato una parte drammatica ma si ride anche molto. La malattia non deve essere protagonista. Io non sono la sclerosi multipla, sono Antonella Ferrari», ha detto l’attrice, rivolgendosi ad Amadeus.

Antonella Ferrari, classe 1970,  è nata a Milano. Dopo aver intrapreso la carriera di ballerina, è costretta a rinunciarci a causa della malattia. Ma non si abbandona all’idea di smettere di sognare e lavorare, riuscendo a diventare attrice. Debutta così in tv nella soap Centovetrine nel 2001, interpretando Lorenza Giraldi. Poi di dedica alla serie tv La squadra, dove veste i panni della pm Elisa Grossi. Seguono altre fiction come “Carabinieri”, “L’uomo che sognava con le aquile”, “Butta la luna”, “Medici miei”, “Non smettere di sognare”.

“Nelle fiction alla fine mi volevano per far piangere. Ed è il motivo per cui me ne sono andata da CentoVetrine, il personaggio stava diventando troppo me. La rappresentazione della disabilità rischia spesso il pietismo” aveva raccontato in un’intervista. Diverso invece con “Un matrimonio” di Pupi Avati: “Tutta un’altra storia quando ho recitato per Pupi Avati, ero in sedia a rotelle, ma il personaggio non era stereotipato e soprattutto no forniva un ritratto pietistico dei disabili. Odio la retorica dei sentimenti”.

Infine, la donna – oltre alle diverse iniziative benefiche – sta progettando anche delle stampelle. Si tratta di una linea di stampelle decorate, un modo per renderle alla moda.

admindaily

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto