Home » Milano, all’ASST Gaetano Pieni inizia la seconda fase di somministrazione del vaccino anti – Covid

Milano, all’ASST Gaetano Pieni inizia la seconda fase di somministrazione del vaccino anti – Covid

La struttura ha a disposizione un “super frigo” ideale per la conservazione del vaccino Pfizer

È cominciata questa mattina, martedì 25 gennaio, la seconda fase della somministrazione dei vaccini anti-Covid ai dipendenti dell’ASST Gaetano Pini-CTO che hanno già ricevuto la prima dose.

Il Presidio Pini è tra gli HUB di Regione Lombardia in quanto dispone del cosiddetto “super frigo” in grado di raggiungere la temperatura di -80°, presente nella Banca Regionale tessuto muscolare scheletrico che ha sede presso l’ASST Gaetano Pini-CTO.

Sono 1361 i dipendenti a vario titolo (personale interno sanitario e non, fornitori e cooperative) che hanno richiesto di essere vaccinati, oltre l’80% del personale.

La somministrazione coinvolge tutte le sedi aziendali (Presidio Pini, Presidio CTO e Polo riabilitativo Fanny Finzi Ottolenghi). In qualità di HUB il piano prevede che l’ASST Pini-CTO, oltre che dei propri operatori, si occupi anche della somministrazioni delle dosi di vaccino nelle RSA, su indicazione di Regione Lombardia e di ATS.

Intanto rimane comunque il problema vaccini dopo i ritardi sulle consegne annunciate dai gruppo farmaceutici di Pfizer e AstraZeneca.

Leggi anche: Covid – 19, l’EMA autorizza il vaccino della Pfizer

Il Commissario Straordinario per l’Emergenza, Domenico Arcuri, ospite a “Live non è la D’Urso”, ha attaccato le aziende produttrici di vaccini: Stanno trattando 27 Paesi europei come dei poveracci. Togliamoci dalla testa che l’Italia sia più penalizzata di altri. Queste aziende non producono bibite e merendine. Si sono impegnate a dare una certa quantità di vaccini che sono molto più importanti delle bibite e merendine. Se avessimo i vaccini che sono stati annunciati dalla aziende farmaceutiche – rincara – entro l’autunno potremmo vaccinare fino a 45 milioni di italiani, ma non credo a queste aziende. Io voglio vedere i vaccini. Ci possono essere delle asimmetrie, secondo cui le poche cose che si producono non per forza vadano nei luoghi dove devono andare”

admindaily

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto