Home » E’ giallo sul pedinamento, Fedez “spiato e seguito da un auto”

E’ giallo sul pedinamento, Fedez “spiato e seguito da un auto”

E’ accaduto la sera del 26 novembre a Milano

Alla guida della sua Lamborghini da 200mila euro, Fedez stava rincasando, quando si è accorto di essere seguito. A quel punto, alle dieci di sera, ha telefonato a casa e ha detto alla moglie, Chiara Ferragni: “C’è una macchina che mi sta seguendo”. Quindi la chiamata alla polizia da parte dell’addetto alla sicurezza di  Federico Leonardo Lucia, vero nome del cantante.

Tutto è accaduto la sera del 26 novembre in piazza Giulio Cesare, nel quartiere Citylife, a Milano.

Dopo la chiamata al 112, gli agenti di una volante hanno intercettato le due auto e le hanno fermate per un controllo. Fedez è sceso dalla sua auto e di corsa è andato verso il presunto pedinatore: «Chi sei? Perché mi stai seguendo?». Poi gli ha dato uno schiaffo  dal finestrino. Gli agenti sono intervenuti per riportare la calma.

Alla guida dell’altra auto, un Suv, c’era un ragazzo di 19 anni, che ha detto di non averlo seguito, ma che stava rincasando anche lui a casa dal momento che abita in zona.

C’è un però che tinge l’accaduto di giallo. Il 19enne è un investigatore privato, armato con regolare licenza e lavora per l’agenzia del padre, società che si trova nel centro di Milano.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FEDEZ (@fedez)

Dalla relazione della polizia, risulterebbe infatti che il giovane avrebbe fornito due versioni discordanti: la prima, che stava cercando di parcheggiare, ma verificato che abita nella zona opposta a quella dove è stato fermato, ha ammesso, è questa la seconda versione, che stava seguendo il cantante perché lui gli avrebbe fatto cenno di seguirlo. Versione subito smentita da Fedez, che invece ha detto di essere seguito da una ventina di minuti.

Il cantante e l’investigatore privato non si sono mai visti prima dell’accaduto, anche se Fedez ha ricollegato il nome del padre ad “una confidenza fatta tempo fa da un amico secondo il quale «stava compiendo indagini sulle sue società all’estero»”, come riporta il Corriere della Sera. Ma non risultano aziende estere del cantante che ha smentito questa voce già in passato. Sull’accaduto nessuno dei due ha presentato querela. Anche se in Questura vogliono fare chiarezza su questa storia e hanno avviato delle indagini.

Adesso del caso si sta occupando la Divisione anticrimine di via Fatebenefratelli che sta procedendo per l’ipotesi di stalking .

admindaily

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto